Inchieste

Attività e servizi delle università lombarde

Le rete di adesione al CALD, il Coordinamento Atenei Lombardi Disabilità, per una cultura crescente di inclusione e di accessibilità degli studenti disabili e con DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento come dislessia e discalculia) si sta ampliando.

È notizia di qualche giorno fa la firma di altri 3 istituti – Humanitas University, LIUC Università Cattaneo e Vita Salute San Raffaele – che si sono aggiunti al gruppo originario, sorto nel 2011, e composto da Università di Bergamo, Università degli Studi di Pavia, Università degli studi dell’Insubria, Università degli Studi di Brescia, Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Brescia, Università Bocconi, Università degli Studi di Milano, Politecnico, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Iulm.

Un network di atenei regionali che punta a una serie di interventi mirati a integrare gli studenti con DSA e disabilità. Interventi quali la mappatura dei servizi presenti nelle singole università, l’incentivazione del percorso di abbattimento delle barriere architettoniche, la proposta di soluzione informatiche come sostegno allo studio, le biblioteche accessibili, le strategie di studio utili all’apprendimento individuale e il supporto per l’ingresso nel mercato del lavoro. Iniziative che, come è stato evidenziato in un convegno recente, hanno portato a benefici riscontrati dagli universitari. Se, infatti, il tasso di soddisfazione espresso sulla qualità dei servizi presenti in 40 atenei nazionali è stato compreso tra il 3,9 e il 4,3 in una scala da 1 a 5, per quanto riguarda gli istituti lombardi la media è risultata superiore di 0,1-0,3 (dati CENSIS). Una tendenza positiva che, stando ai delegati delle singole università, ha portato in regione a un aumento delle immatricolazioni di giovani con disabilità e DSA del 10% nel corso di unico anno accademico, quello 2015/2016. Ancora in questa direzione, va un altro traguardo importante raggiunto di recente: la firma di un accordo tra il CALD e l’Ufficio Scolastico Regionale per l’orientamento universitario degli studenti a cominciare dalle scuole superiori. Saranno i docenti universitari, delegati dai Rettori per la disabilità, a occuparsi della formazione rivolta ai colleghi delle superiori.

Vediamo allora, più nel dettaglio, i servizi offerti dai vari atenei:

Università degli Studi di Milano

Attività di assistenza alla persona e di supporto didattico; consulenza psico-pedagogica e orientamento in ingresso; servizi di carattere amministrativo; tutorato didattico e intermediazione con il corpo docente; corsi specifici d’informatica e di lettura-scrittura Braille; postazioni multimediali attrezzate; interventi metodologici per studenti con DSA; interventi a sostegno della mobilità da e per l’università in caso di disabilità motorie; stage e placement presso il COSP (Centro per l’Orientamento allo Studio e alle Professioni).

Università Luigi Bocconi

Punto dedicato di coordinamento per l’assistenza; agevolazioni per le borse ISU e, per invalidità pari o superiore al 66%, esonero dal pagamento di tasse e contributi accademici; alloggi predisposti all’interno delle strutture abitative dell’ISU Bocconi; assistenza da parte del personale della biblioteca per necessità specifiche; postazione di lavoro riservata per ipovedenti presso il Servizio automazione; attività di supporto all’inserimento professionale di studenti e laureati (DAL – Diversamente Abili al Lavoro, servizio offerto dal Career Service) oltre alla piattaforma CALD Job.

Università Cattolica di Milano

Il SISD (Servizio Integrazione Studenti con Disabilità Università Cattolica – Sede di Milano) offre aiuti agli studenti che ne facciano richiesta, indipendentemente dall’esonero delle tasse, se provvisti di documentazione aggiornata a certificazione delle difficoltà; inoltre si occupa dell’integrazione attraverso il supporto tecnico-amministrativo (segreteria) e con il supporto didattico che fa capo al personale pedagogico specializzato. Gestendo le pratiche amministrative, le agevolazioni economiche in collaborazione con l’ISU-Cattolica, le agevolazioni alla frequenza delle lezioni e per gli esami, il materiale didattico. Altri servizi a disposizione sono l’orientamento delle matricole, il sostegno all’apprendimento e altri interventi per universitari ipo-vedenti, non vedenti, con dislessia.

Università degli Studi di Milano-Bicocca

Offre servizi di supporto informativo, sostegno individuale alle prove di ingresso, colloqui di accoglienza, materiale bibliografico specializzato, sussidi tecnici e didattici, tutoraggio didattico, supporto per la partecipazione a programmi di mobilità internazionale, trasporto con pulmini attrezzati, sostegno agli esami di Stato e sportello di consulenza tecnologica. Per quanto riguarda l’inserimento lavorativo aderisce al gruppo di lavoro CALD Job e propone diversi altri progetti di avviamento professionale. Inoltre collabora con associazioni del territorio per favorire occasioni di stili di vita indipendenti.

Politecnico di Milano

Molte anche le attività proposte dal Politecnico. Supporto all’orientamento; materiale informatico (computer, periferiche, software) accessibile; prove di ammissione in aule riservate; esonero dalla tassa di iscrizione e dai contributi universitari in caso di invalidità pari o superiore al 66%; requisiti di merito per borse di studio; priorità nelle graduatorie per gli alloggi nelle residenze Casa dello studente, Galileo Galilei, Campus Rubattino, Campus Certosa e Campus Martinitt. Sul versante delle barriere architettoniche il Politecnico sta procedendo a un abbattimento progressivo con l’obiettivo di arrivare all’accessibilità totale. Intanto si può contattare l’ateneo segnalando ogni sei mesi i corsi che si intendono frequentare in modo da trovare soluzioni in tempo utile in caso le aule in oggetto non fossero ancora raggiungibili. Tra gli altri servizi: ausilio agli spostamenti interni all’università, attrezzature per la didattica e l’informatica, prove di esame con strumenti compensativi o supporti tecnologici, teledidattica, tutorato di base e specializzato. E anche sostegno per la mobilità internazionale, supporto per stage/tirocini e uso del parcheggio interno.

Vita-Salute San Raffaele

L’ateneo offre agli studenti con DSA quanto esplicitato nell’art. 5, comma 4, della Legge 170/2010, vale a dire la possibilità di usufruire di adeguate forme di verifica e di valutazione, sia in occasione dei test di ingresso che durante gli anni di studio.
Per quanto riguarda la partecipazione ai test, una volta presentata la documentazione che attesti la diagnosi valutata da figure professionali adeguate, può essere svolta attraverso l’ausilio degli strumenti compensativi come il 30% del tempo in più a disposizione rispetto agli altri studenti e l’utilizzo di calcolatrici e di tavole. Mentre, durante il corso di studi i tutor specializzati forniscono una consulenza per l’organizzazione delle attività di studio e per il monitoraggio delle carriere con incontri mirati a valutare le difficoltà di ogni studente, favorendone la preparazione degli esami. Inoltre viene presa in considerazione, volta per volta, la possibilità di offrire testi digitalizzati e sussidi audiovisivi. Da ottobre 2016, l’ateneo partecipa e condivide la propria esperienza con il CALD.

IULM

Presenta edifici privi di barriere architettoniche e propone servizi diversificati a seconda dei bisogni individuali dello studente (DSA e dell’Attenzione, in particolare). Presso l’Ufficio Orientamento è stato creato un Servizio Disabili per le richieste degli studenti e per sviluppare percorsi di supporto allo studio adeguati ai singoli.

Università degli Studi di Pavia

L’attività di servizio fa capo al SAISD – Servizio Assistenza e Integrazione Studenti Disabili e con DSA e offre attività di orientamento e di assistenza in ingresso all’ateneo. Altre iniziative: ausili per le prove d’esame e interventi presso i docenti per prove d’esame individualizzate; supporto di tecnici informatici; assistenza durante le ore di lezione; ausilio per il disbrigo delle pratiche amministrative; assistenza/accompagnamento alle strutture universitarie con mezzi pubblici o attrezzati; supporto alla mobilità internazionale; sostegno all’inserimento lavorativo.

LIUC Università Cattaneo

Ha aderito di recente al CALD, impegnandosi a favorire l’inclusione degli studenti con disabilità nel mondo professionale e produttivo. Già prima di firmare la convenzione tra gli atenei lombardi aveva individuato delle figure di riferimento sia nell’ambito della docenza che in quello del personale amministrativo per migliorare le opportunità di integrazione e di accessibilità.

Università degli Studi di Brescia

Propone una serie di strumenti per abbattere le barriere sia di natura fisica che didattica. Tra cui l’attività di ricerca degli appunti e dei libri; il tutoraggio durante le ore di lezione; l’accessibilità ai testi con postazione videoingranditori, sintesi vocale, scanner, postazione informatica per non vedenti e computer con sintesi vocale; possibilità di usufruire per la durata del corso di laurea di ausili tecnici, informatici, didattici sia in università che presso la propria abitazione, concessi in comodato d’uso gratuito agli studenti facendo richiesta all’ufficio Servizio per Le Disabilità dell’ateneo. Inoltre è prevista la eventualità di cambiare l’aula di lezione qualora non sia accessibile; banchi attrezzati; registrazioni delle lezioni se concesso dal docente.

Università dell’Insubria

Le iniziative proposte prevedono attività di accoglienza e di orientamento; l’integrazione di borse di studio Cidis; l’esonero delle tasse universitarie (per invalidità uguale o superiore al 66%); servizi di tutorato specializzato; i trasporti domicilio-università e tra sedi universitarie; l’acquisto e il prestito di sussidi informatici; le postazioni informatiche attrezzate; l’elaborazione e la digitalizzazione di testi e di materiale didattico per gli studenti ipovedenti o con difficoltà di lettura; l’apertura di account riservati per l’accesso via web da remoto alle banche dati e alle risorse del Sistema Bibliotecario di ateneo; l’opportunità di counselling psicologico specializzato; forme di contribuzione supplementare per la mobilità internazionale

Università degli Studi di Bergamo

Prevede l’esonero totale di tasse e contributi per invalidità superiori al 66% ed esonero al 50% per invalidità tra il 46% e il 65%. Come previsto dalla legge 17/99 e 170/2010, lo studente con disabilità o affetto da DSA può affrontare le prove d’esame con l’ausilio di specifici mezzi tecnici o svolgere prove equipollenti secondo le modalità più consone al tipo di disabilità e DSA. Tra gli altri servizi offerti: tutorato; consulenza didattica tramite il referente di Dipartimento; accompagnamento a lezione e interpretariato in LIS

 

Ph Credits Senza Barriere

Pubblica commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*