News

È Lione la città più accessibile d’Europa

Il premio Access City Award 2018, per il centro urbano europeo che fa dell’inclusione uno snodo centrale delle proprie politiche, è andato alla francese Lione.

La città ha realizzato l’obiettivo grazie all’impegno sull’accessibilità che comprende il 100% dei bus circolanti, l’accesso alla cultura da parte di tutti (le biblioteche sono state attrezzate di strumenti appositi come audio-libri e ingranditori di schermo), la realizzazione di ausili digitali e l’impegno sul versante dell’integrazione lavorativa che ha portato a una presenza di lavoratori con disabilità tra gli impiegati pubblici pari al 7,8%. Percentuale più alta della quota minima prevista in base alla legislazione francese, che è del 6%.

Al secondo e al terzo posto si sono piazzate Ljubljana (Slovenia) e Lussemburgo, capitale dell’omonimo stato. La prima per avere incentivato forme di accessibilità nell’esercizio della politica cittadina con la creazione di una commissione consultiva apposita di cui fanno parte anche persone con disabilità che, in questo modo, sono direttamente coinvolte nella gestione della città in cui vivono. Lussemburgo, invece, per gli sforzi compiuti nell’accrescere la consapevolezza tra i propri cittadini dell’importanza di eliminare lo stigma legato alle disabilità, per rifondare una collettività che sia più improntata all’inclusione.

Il riconoscimento – voluto dalla Commissione Europea a partire dal 2011 e rivolto ai centri con più di 50.000 abitanti – è un incentivo per promuovere eguaglianza d’accesso alla vita delle città da parte di tutti coloro che vi risiedono attraverso una sorta di “effetto contagio” positivo, ispirato da quanto fatto prima da altri

Pubblica commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*