News

Presentato a Milano il piano di interventi sulle barriere architettoniche

Lo stato di fatto e i progetti da proseguire o avviare nel 2018.

“Milano di tutti – Accessibilità universale”, l’agenda dei lavori del capoluogo lombardo, è stata illustrata ieri al Piccolo Teatro Studio Melato da Lisa Noja, delegata del sindaco alle Politiche per l’Accessibilità, dal sindaco Beppe Sala e dagli assessori Pierfrancesco Majorino (Politiche Sociali, Salute e Diritti), Roberta Guaineri (Turismo, Sport e Qualità della vita), Marco Granelli (Mobilità e Ambiente) e Gabriele Rabaiotti (Lavori Pubblici e Casa).

Riguardo al nuovo anno, il 2018, il programma di investimenti del P.E.B.A. (Piano Eliminazione Barriere Architettoniche) è pari a 15 milioni di euro*, finanziati dall’amministrazione comunale per realizzare 44 interventi, con una quota  dedicata all’eliminazione delle barriere in scuole, strade, uffici pubblici, edifici culturali e di edilizia residenziale pubblica.

Mentre a proposito della situazione della città a oggi, quindi dello stato attuale delle cose, l’analisi svolta ha considerato gli edifici/spazi pubblici in base al grado di accessibilità:

  • esterna
  • interna
  • collegamenti verticali
  • servizi igienici

attribuendo dei bollini valutativi:

peba mi

Ecco allora l'”istantanea” delle aree e degli spazi che fanno capo al Comune:

stato attuale spazi

quella dei trasporti di superficie:

trasp superf

dell’accessibilità nelle linee metropolitane:

acess metropolitane

e dell’edilizia scolastica:

edil scolast

 

In conclusione all’analisi dei dati raccolti, durante la presentazione di ieri l’amministrazione comunale ha sottolineato il cambio di passo relativo agli investimenti

invest

[*come scritto sopra, i 15 milioni di investimento si riferiscono a 44 interventi finanziati dall’amministrazione e che hanno una quota dedicata all’eliminazione delle barriere architettoniche].

 

Inoltre il comune di Milano ha reso note le cifre dell’impegno economico: nel 2010 la spesa nei Servizi per Disabili era stata complessivamente di € 32.667.103, nel 2017 di €46.296.200 (dati afferenti alla direzione politiche sociali – Area Disabili).

Infine, tra gli interventi eseguiti, è stata evidenziata anche la creazione dei portali di formazione e informazione sull’accessibilità Milanopertutti e MilanoAccogliente.

<Per costruire una Milano di tutti – ha spiegato Lisa Noja, delegata del sindaco alle Politiche per l’Accessibilità  – occorre andare oltre gli standard minimi di accessibilità previsti dalle norme sull’abbattimento delle barriere architettoniche. Occorre tendere all’accessibilità universale, intervenendo progressivamente per rispondere al diritto di tutti i cittadini di fruire degli spazi urbani, a prescindere dalle disabilità fisiche, sensoriali e cognitive, dell’età e delle condizioni anche temporanee in cui si trovino. È un cammino lungo che Milano ha avviato da tempo. Oggi, abbiamo confermato la volontà del Sindaco, della Giunta e di tutto il Comune di proseguire in questa direzione, impegnandoci, però, ad un significativo cambio di passo. Perché Milano, anche sul tema dell’accessibilità, si vuole confrontare con le altre metropoli internazionali e perché questo serve a migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini>

 

 

 

Ph Credits kostasgr/shutterstock.com

Pubblica commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*