News

Stazione di Mantova, via le barriere architettoniche

Più accessibilità nel giro di qualche mese. È la promessa di RFI, Rete Ferroviaria Italiana, nel mettere mano alla stazione della città lombarda che, da qui a fine ottobre, sarà interessata da interventi per l’eliminazione delle barriere architettoniche.

Verranno installati tre ascensori – uno per marciapiede – al posto degli elevatori presenti adesso; le banchine saranno innalzate a 55 centimetri, che è lo standard europeo previsto per i servizi ferroviari metropolitani, in modo da agevolare l’accesso ai treni e verranno posizionati i percorsi tattili per passeggeri ciechi e ipovedenti.

I lavori, che richiedono un investimento di 8 milioni, comprendono anche la riqualificazione di atrio e sottopassaggio. Gli ambienti saranno dotati di nuove illuminazioni e di strumenti (monitor e diffusori) per l’informazione al pubblico. Infine saranno realizzati dei tornelli per l’accesso ai binari e il sistema di videosorveglianza verrà ammodernato.

Durante il periodo del restyling, i servizi di assistenza ai passeggeri con mobilità ridotta non subiranno interruzioni e saranno sempre garantiti – assicurano da RFI – Anche la circolazione ferroviaria non subirà modifiche

3 Commenti

  1. La civiltà di una nazione si misura dall’attenzione verso chi è in una situazione di difficoltà. Bene per questa notizia ma speriamo che seguano tanti tanti tantissimo altri interventi, non è così difficile da capire non serve una laurea. Grazie e scusate per lo sfogo. Donatella

  2. Scusi cosa c’entra adesso la laurea!? Le risulta che politici e amministratori laureati facciano meglio e che siano più sensibili al tema delle barriere? E basta con questi luoghi comuni

    • Era soltanto un modo di dire, non la prenda così sul personale. Comunque mi rincresce se il mio commento l’ha offesa

Pubblica commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*